Le telecamere e il pattugliamento del territorio hanno portato la polizia locale a scoprire molti incivili. Nel 2020 sono stati elevati 326 verbali per un totale di 70mila euro di sanzioni 

ARZACHENA. Pugno di ferro contro i furbetti del cassonetto. Il nucleo di polizia ambientale coordinato dal comandante della polizia municipale, Giacomo Cossu, ha elevato 326 verbali per circa 70 mila euro di sanzioni nel 2020 a carico di utenti irrispettosi delle regole sul conferimento dei rifiuti.

La maggior parte delle difficoltà vengono riscontrate nelle isole ecologiche stradali, mentre il ritiro “porta a porta” continua a garantire ottimi risultati.

L’assessore alla polizia municipale del Comune di Arzachena, Tore Mendula, tira le somme degli ultimi mesi di interventi sul territorio.

Nel 2020, dei 326 verbali emessi, 36 derivano dall’abbandono di rifiuti ingombranti (euro 400 ciascuno), 42 per utilizzo e abbandono di sacchi neri voluminosi con contenuto non differenziato (da 50 a 100 euro ciascuno a seconda della gravità), 248 per abbandono di rifiuti vari sul suolo (euro 200 ciascuno).

Nel 2021, dei 79 verbali emessi, 11 derivano dall’abbandono di rifiuti ingombranti, 21 per utilizzo e abbandono di sacchi neri voluminosi con contenuto non differenziato, 47 per abbandono di rifiuti vari sul suolo.

Fonte: La Nuova Sardegna

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.