È stato arrestato con l’accusa di tentato omicidio Federico Sanna, il 23enne che ieri sera al culmine di una lite ha accoltellato il padre, Bruno Sanna, 61 anni, nella loro casa di Oristano al culmine di una lite per un caricatore del telefono. L’uomo è ricoverato in gravi condizioni all’ospedale Brotzu di Cagliari e, da quanto si apprende, sarebbe paralizzato dalla vita in giù in quanto una delle coltellate avrebbe colpito la colonna vertebrale e causato una paralisi degli arti inferiori. Il ragazzo, portato in carcere, nelle prossime ore sarà sottoposto all’udienza di convalida.

Non era la prima volta che i due litigavano in modo così violento. Vicini di casa e parenti raccontano di un rapporto burrascoso, fatto di discussioni, litigi e reciproche aggressioni. Ieri sera la miccia è stata accesa durante la cena, una discussione per banali motivi, poi gli insulti sempre più pesanti, le minacce e infine le coltellate. A chiamare i soccorsi è stato proprio il figlio, mentre la nonna che vive con loro era uscita in strada a chiedere aiuto.  Il 23enne è stato portato in caserma e sentito per alcune ore, poi è stato arrestato e trasferito nel penitenziario di Massama. 

L'articolo Arrestato per tentato omicidio il ragazzo che ha accoltellato il padre a Oristano proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.