Calci e pietre contro minibus,visitava area devastata da incendi

(ANSA-AFP) - BUENOS AIRES, 14 MAR - Decine di manifestanti hanno duramente contestato il presidente dell'Argentina Alberto Fernandez durante una visita in Patagonia, in un'area devastata dagli incendi boschivi. I partecipanti alla protesta hanno espresso la loro rabbia per gli incendi dolosi e contro i progetti minerari che interessano la provincia di Chubut prendendo a calci il minibus su cui viaggiava il presidente, rimasto illeso, e lanciando anche pietre contro il veicolo.

L'assalto è avvenuto mentre Fernandez stava partendo da un centro sociale nella città di Lago Puelo, nella Patagonia meridionale. Il presidente ha dovuto rifugiarsi dietro un 'muro' di simpatizzanti mentre una folla di manifestanti spingeva verso di lui e la sua delegazione. Gli oppositori sono riusciti poi, anche per i pochi agenti di scorta, a fermare il minibus che trasportava il presidente, prendendolo a pugni e calci, e lanciando pietre che hanno rotto i finestrini del veicolo, nelle riprese trasmesse dalla rete TN e dal quotidiano Clarin. Uno di loro si è lanciato sul cofano, e il veicolo è stato costretto a sostare in mezzo a una folla inferocita. Una volta liberato, molti altri veicoli si sono fatti strada tra la folla e si sono allontanati con l'autobus presidenziale.

Gli incendi che hanno divampato per giorni in Patagonia hanno provocato un morto e 11 dispersi. Decine di persone sono state evacuate dalle loro case, 200 delle quali sono sono state distrutte. Alcune città sono rimaste senza acqua né elettricità.

Le autorità sospettano siano stati appiccati deliberatamente all'inizio di questa settimana, raggiungendo diverse città vicino ai piedi delle Ande e distruggendo circa 15.000 ettari di foresta. Il corpo carbonizzato di un contadino, disperso da martedì, è stato trovato vicino alla città di El Maiten.

(ANSA-AFP).

Fonte: La Nuova Sardegna

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.