(ANSA) - CAGLIARI, 01 DIC - Sono passati esattamente 20 anni da quando un gruppo di giovani a Cagliari decise di fondare l'Arc, e colmare così il vuoto lasciato dalla chiusura prima di ArciGay e poi di Kaleidos, a fine anni Novanta e nei primi anni 2000, le due associazioni che hanno fatto la storia del movimento Lgbtqia+ a Cagliari.
    L'associazione culturale e di volontariato è nata proprio l'1 dicembre, giornata internazionale della lotta all'Aids, raccogliendo lo spirito di lotta alle malattie a trasmissione sessuale ma anche alla stigmatizzazione: sono stati fatti passi da gigante - è detto in una nota dell'Arc - ma la strada per un'adeguata informazione sulla prevenzione e sulla difesa dei diritti delle persone con Hiv è ancora lunga.
    L'ARC ha iniziato le proprie attività con piccoli ma allora sicuramente importanti e coraggiosi eventi culturali legati al cinema e ai libri. Nel corso del tempo è cresciuta, con tantissime iniziative, e oggi ha presentato il Centro anti discriminazioni "Ci siamo".
    Lo sportello di ascolto e accoglienza - nato una decina di anni fa, in collaborazione con il Dipartimento di Pedagogia, Psicologia, Filosofia dell'Università di Cagliari - oggi è stato potenziato, grazie un finanziamento statale dell'Unar, l'Ufficio Nazionale Antidiscriminazione Razziali, che ha consentito per la prima volta l'assunzione di personale altamente qualificato e formato proprio per far fronte ai problemi che le persone incontrano per il loro orientamento sessuale o romantico e per la loro identità di genere.
    Il territorio di attuazione del progetto comprende le province di Oristano, Ogliastra, Medio Campidano, Sulcis Iglesiente e Città metropolitana di Cagliari per un totale di 232 Comuni.
    (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Fonte: Ansa Sardegna

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.