Sta meglio la tartaruga verde salvata da alcuni pescatori a fine maggio nei pressi dello stagno S’Ena Arrubia nel territorio di Arborea: nel tratto digerente dell’animale erano stati riscontrati materiali come la plastica. Consegnata alle cure dei veterinari della clinica oristanese Due Mari e dei biologici del CReS (Centro di recupero del Sinis), presto l’esemplare di Chelonia mydas, che è stata chiamata “Arrubia”, potrà essere nuovamente liberata. “La Chelonia è una tartaruga che con minore probabilità è possibile avvistare nei nostri mari – spiega Manuela Pintus, sindaca di Arborea – dove la Caretta caretta è maggiormente diffusa.I controlli che sono stati effettuati nei giorni del ritrovamento non hanno evidenziato particolari problemi ma la tartaruga è mantenuta sotto controllo per valutare le condizioni di salute e poiché è stata riscontrata la presenza di materiale come la plastica nel tratto digerente è necessario monitorarne l’espulsione”.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.