“Aprite gli hospice sardi ai familiari, i malati terminali non possono essere lasciati soli”

Dopo l’appello dei giorni scorsi dove chiedeva a gran voce la riapertura degli hospice sardi ai parenti, ha lanciato una petizione on line “perché tale emergenza non ricada di nuovo nell’indifferenza dei più”.

Per la rubrica l’Angolo dei Lettori lo sfogo di una donna cagliaritana, parente di un malato terminale.

“Tutte le istituzioni coinvolte, il Presidente Solinas, devono restituire dignità ai malati terminali sardi. Non possono dopo mesi, rimanere privati dell’affetto dei loro cari.

È arrivata l’ora che si affronti tale emergenza considerando anche i pochi contagi nella nostra terra.”

“Presidente Solinas, gli hospice sono chiusi e i pazienti sono privati dell’affetto dei propri cari – si legge  .. L’unico contatto con l’esterno può essere una videochiamata laddove le condizioni cliniche lo consentano, altrimenti il buio totale. Gli hospice non possono essere trattati alla stregua degli altri luoghi di cura; hanno una vocazione importante di accompagnamento alla morte. Rappresentano per il paziente la sua ultima casa. Una casa non scelta ma imposta dalla malattia dove nonostante tutto, si cerca di assaporare quegli ultimi istanti di vita rimasti. Si arriva negli hospice per l’impossibilità di gestire la malattia da soli. La malattia ti spoglia anche della possibilità di morire in casa.

L’unica consolazione che resta, è che il proprio caro possa ritrovare negli hospice un prolungamento della vita familiare e un briciolo di quella dignità frantumata da anni di sofferenze sia fisiche e mentali. Oggi però questo conforto viene a mancare.

Si è “violata” la possibilità di vivere il fine vita con quel supporto insostituibile che è la famiglia. Si è agito con ordinanze, decreti, senza davvero interrogarsi su quale fosse la vera tutela non del malato ma per il malato. Una vita che si conclude da SOLI. Si viene privati della libertà di decidere del proprio fine vita in un momento dell’esistenza dove si preferirebbe rischiare quei pochi giorni rimasti pur di essere circondati dai propri cari.

La sofferenza esistenziale, la paura di essere abbandonati oggi sono voci inascoltate. In tutto questo dolore rimane un’unica certezza che i giorni passati non torneranno più indietro per chi sta lasciando la vita. Non ci sarà una seconda possibilità. Non sentite il peso di questa responsabilità sia etica che morale? È questa la strada più giusta da percorrere per il malato terminale?”

 Qui il link alla petizione sul portale change.org

L'articolo proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.



Radio Fusion

Pizzeria da Birillo

Offerte di Lavoro in Sardegna

Sinnai Notizie