Due città metropolitane (ma a Cagliari dubbi sull'allargamento a 71 comuni) e 6 province di cui quattro riesumate dopo essere state "cancellate" nel referendum

CAGLIARI. Licenziato dalla commissione Autonomia quasi cinque mesi fa, è approdato oggi 3 marzo nell'Assemblea legislativa sarda il testo unico che modificherà l'assetto degli Enti locali portando a sei le Province (Gallura, Nuoro, Ogliastra, Oristano, Medio Campidano e Sulcis-Iglesiente) e a due le Città Metropolitane ( Sassari in aggiunta a Cagliari). Vengono così anche riesumate le quattro province che erano state cancellate dal referendum a questo punto rendendo inutile quel pronunciamento degli elettori.

«Il testo - ha spiegato in apertura dei lavori in Aula il relatore di maggioranza Antonello Peru (Udc-Cambiamo!) - mira a ristrutturare il territorio in senso federalistico, dando voce alle sub aree regionali e proponendo un modello nuovo improntato sul protagonismo delle comunità locali che devono poter sprigionare il loro potenziale».

In fase di discussione in commissione il consigliere di Cambiamo! ha avuto un ruolo fondamentale per la previsione della Città metropolitana di Sassari: «Con questa legge chiediamo di rimediare a un errore della precedente legislatura che aveva istituito un ibrido, cioè la rete metropolitana», ha spiegato.

Proprio su questo punto il relatore di minoranza Roberto Deriu (Pd) ha giudicato «incomprensibile» la scelta del centrodestra che «sulle città metropolitane introduce una norma fotocopia della Delrio che tanto criticava, prescindendo dalle caratteristiche di ogni territorio, tracciando confini immaginari e mescolando mare e campagna in barba alle proclamazioni autonomistiche». Il dem si riferisce in particolare all'allargamento della Città metropolitana di Cagliari a 72 Comuni che lo stesso sindaco metropolitano Paolo Truzzu ha bocciato. Oggi è in programma la discussione generale mentre l'esame degli articoli potrebbe andare avanti per tutta la settimana.

 

Fonte: La Nuova Sardegna

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.