Oristano, ci sono nuove prove: riaprono le indagini sull’omicidio di Soddì.

La Procura della Repubblica di Oristano, a seguito di nuove e importanti risultanze investigative fornite da attività di indagine svolta dalla Squadra Mobile della Questura di Oristano e dal Gabinetto Regionale di Polizia Scientifica di Cagliari, ha ottenuto la riapertura delle indagini sull’omicidio di Giuseppino Carboni, avvenuto a Soddì nel 2008.

Gli esperti ricerca tracce della Polizia Scientifica, riesaminando alcuni casi di omicidio rimasti senza colpevole, i cosiddetti “Cold cases”, hanno rilevato nuove tracce che potrebbero condurre all’identificazione dei responsabili.

I fatti su cui sono state riaperte le indagini risalgono al 23 giugno 2008, quando, nel piccolo paese di Soddì, verosimilmente a seguito di un tentativo di rapina in abitazione, venne rinvenuto il cadavere dell’allora ottantenne Giuseppino Carboni, legato con una corda, imbavagliato e riverso sul letto.

Il medico legale intervenuto sul posto stabilì che l’anziano era deceduto, durante la nottata, per soffocamento causato da un batuffolo di carta che gli autori della rapina gli avevano posto con forza nel cavo orale.

Le Polizia Scientifica, avvalendosi di nuove tecnologie, ha isolato alcune tracce riconducibili a più individui verosimilmente orbitanti nel nuorese.

L'articolo Anziano trovato morto, legato e imbavagliato: emergono nuove prove sull’omicidio di Soddì proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.