Una giovane vita spezzata, quella di Antonio Mallocci, 27enne nato a Sinnai ma residente, da un mese e mezzo, ad Assemini. La Lancia Y con la quale, oggi all’alba, stava raggiungendo le campagne di Selargius, si è ribaltata, non lasciandogli scampo, in via dei  Canadesi. Mallocci è stato sbalzato fuori dall’abitacolo ed è morto praticamente sul colpo. Grandissimo cordoglio a Sinnai, il ventisettenne era molto conosciuto: “Siamo addolorati e facciamo le nostre più sentite condoglianze al padre di Antonio, si tratta di una grande tragedia”, dice, contattato da Casteddu Online, il sindaco Tarcisio Anedda. A tracciare un ricordo molto nitido della vittima è la sorella Monica: “Dopo un’infanzia un po’ difficile, mio fratello era sereno. Da un mese e mezzo stava convivendo, in affitto, insieme alla sua fidanzata, ad Assemini. Aveva trovato lavoro come servo pastore a Selargius”. Quella di oggi sarebbe dovuta essere una giornata come tante altre: Mallocci stava andando al lavoro quando, in via dei Canadesi, ha perso il controllo dell’auto. I soccorsi, purtroppo, sono stati inutili.Il padre Lucio è distrutto dal dolore: “Da qualche settimana si era trasferito, era un ragazzo buono e molto riservato”. Il corpo di Mallocci, nelle prossime ore, sarà portato a Sinnai. “Farò di tutto perché possa essere seppellito vicino alla madre,scomparsa 8 anni fa”, aggiunge la sorella Monica.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.