Sarda News - L'unione delle notizie dalla Sardegna

La sua attività lavorativa non rientra tra le tante sbarrate a causa dell’emergenza Coronavirus, anzi. Chi ha una rivendita di ricambi per auto può continuare a tenere aperto, ma può chiedere il doppio “salvagente” del bonus di 600 euro e del finanziamento (tranche più bassa di 25mila euro). Eppure, aver tenuto la serranda sollevata, ad Antonio Congia, uno dei due titolari di un’autoricambi a Quartu Sant’Elena, non è servito a molto: “Molte spese e incassi crollati sino al settanta per cento. La gente non viene, siamo considerati essenziali ma solo per lo Stato. Io e il mio socio abbiamo quattro dipendenti, siamo riusciti a pagarli rinunciando ai nostri stipendi e, dopo aver dato fondo al plafond con la nostra banca, non ci viene concesso nessun prestito nonostante la nostra sia un’attività storica, aperta nel lontano 1984”, spiega Congia. “Ho già pagato gli F 24, non ha senso che il Governo abbia deciso di sospenderli perchè tanto, tra due mesi, li avrei dovuti pagare lo stesso”.

Traspare tristezza dalle parole di Congia: “Il Governo Conte avrebbe potuto bloccare tutte le tasse, anzichè continuare a pretenderle. Oltre a quelle, infatti, ho dovuto pagare i fornitori e le bollette. Siamo davvero stremati”, confessa il 48enne, “sono riuscito ad essere in regola anche con l’Inps, ma ora i risparmi sono davvero terminati”.

L'articolo Antonio di Quartu, negozio aperto ma zero incassi: “Stremati dalle tasse del Governo Conte” proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.