In arrivo lunedì nuova ordinanza regionale restrittiva su Dpi

(ANSA) - VENEZIA, 22 OTT - Secondo giorno di contagi ampiamente sopra quota 1.000 in Veneto, dove i numeri dei casi Covid fanno impallidire i bollettini della prima ondata. Un balzo di 1.325 positivi in 24 ore - ieri erano stati 1.422 - che conferma la velocità con la quale il virus a ripreso a correre nella 'regione dei tamponi'. Il Veneto - ha illustrato il presidente Luca Zaia - ne ha effettuati dall'inizio dell'epidemia 2.192.000, ai quali si aggiungono 1.500.000 test rapidi. Ma anche il contact tracing, con questi numeri - ha ammesso Zaia - inizia ad avere grandi difficoltà. ""Quando si hanno 1.325 contagiati in 24 ore - ha detto il governatore - significa che questi generano 20.000 contatti. Ai cittadini va detto che oltre un certo limite non si va. In tempo di guerra non puoi andare al pronto soccorso, dopo il bombardamento della città, e pretendere che ti facciano il triage".

E' in crescita anche il numero delle vittime:, 19 da ieri, per un dato complessivo di 2.301 morti. Mentre la regione si appresta ad abbattere la soglia psicologica dei 40.000 positivi (sono oggi 39.590). c'è un altro dato preoccupante per il sistema sanitario: la crescita dei ricoveri negli ospedali, 588 pazienti (+64), me restano ferme al livello di ieri le terapie intensive (66), distanti dalla quota 150 malati Covid che farebbe scattare la 'fase 3' del piano di sanità pubblica.

Zaia è tornato a sottolineare che davanti a se' il Veneto non ha il lockdow. Però una stretta ulteriore ci sarà, e riguarderà gli obblighi legati alla mascherina. "Entro lunedi - ha spiegato - farò un'ordinanza con maggiori restrizioni, che non prevedrà il lockdown, ne' sarà preclusiva alle attività, ma riguarderà assembramenti e cose analoghe". (ANSA).

Fonte: La Nuova Sardegna

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.