Campagna al via in Ogliastra. La Regione accelera sui vaccini

(ANSA) - CAGLIARI, 04 GEN - E' cominciata con un'alta adesione nei 23 comuni dell'Ogliastra la campagna di screening "Sardi e Sicuri" promossa dalla Regione Sardegna con la collaborazione del microbiologo Andrea Crisanti. "L'obiettivo è arrivare a testare oltre 30mila persone in due giorni - spiega il commissario Ares-Ats Massimo Temussi - la speranza è di raggiungere il 65% della popolazione, che in parte ha già effettuato dei test organizzati dalle singole amministrazioni".

Tra oggi e domani saranno effettuati test antigenici rapidi in 46 postazioni da 180 operatori in servizio. Saranno ripetuti a distanza di una settimana su tutti i soggetti risultati negativi al primo tampone. Mentre chi dovesse risultare positivo, nella prima o nella seconda fase, sarà sottoposto ad accertamento per mezzo del tampone molecolare con conseguente tracciamento dei contatti per spezzare la catena dei contagi.

Di pari passo prosegue la vaccinazione del personale sanitario. Dopo le polemiche per le poche somministrazioni eseguite, la Regione accelera. La Sardegna, infatti, è in coda alla classifica con 392 dosi utilizzate su 12.855 fiale consegnate (il 3%) nei quattro hub del Brotzu, Binaghi, Policlinico di Monserrato e AoU di Sassari. Delle quasi 13mila dosi solo un terzo sono state recapitate a strutture dell'Ats, ma da oggi saranno aperti nuovi punti di vaccinazione ad Alghero e nei presidi cagliaritani del Santissima Trinità e del Marino.

A seguire, già domani, saranno attivati i punti di Olbia, un altro a Sassari, poi a Nuoro, Oristano, Carbonia e Ozieri.

"Siamo stati l'ultima Regione d'Italia ad avere i vaccini, arrivati solo il 31 dicembre - chiarisce l'assessore della Sanità Mario Nieddu - c'erano giorni di festa in mezzo e non si poteva pensare di fare miracoli".

Intanto nell'ultimo aggiornamento dell'Unità di crisi regionale sono stati rilevati 177 nuovi casi di positività su 1.846 tamponi: un dato in calo, ieri erano stati 194 su 1.574 test. Si registrano anche quattro morti (768 in tutto), due donne e due uomini tra 62 e 94 anni. Sono 489 i pazienti ricoverati in ospedale in reparti non intensivi (+16), mentre è stabile a 43 il numero dei pazienti in terapia intensiva.

(ANSA).

Fonte: La Nuova Sardegna

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.