Andrea Frailis (Pd): “Vergognosa censura a Fedez, si mettano l’anima in pace: il ddl Zan e lo Ius Soli saranno legge”. Il deputato sardo sulla polemica di ieri al Concertone: “La vergognosa censura della quale è rimasto vittima Fedez, ricorda metodi e atteggiamenti della tv di Stato che pensavamo di esserci lasciati alle spalle. Personalmente condivido totalmente le parole del discorso pronunciato al Concertone del primo Maggio, ma oltre a questo ritengo inaccettabile che si possa condizionare la presenza di un artista a un evento, al controllo di quel che dirà sul palco. Penso che i responsabili di quel che è accaduto si debbano dimettere dai loro incarichi, o essere rimossi. Penso anche che sia venuto il momento di discutere del ricambio dei vertici RAI, anche ai massimi livelli. E poi si mettano l’anima in pace tutti coloro che si oppongono alla tutela dei diritti nel nostro Paese : il ddl Zan e lo Ius Soli saranno molto presto legge. Anche grazie all’impegno di noi del PD”.

L'articolo Andrea Frailis (Pd): “Vergognosa censura a Fedez, si mettano l’anima in pace: il ddl Zan e lo Ius Soli saranno legge” proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.