Biblioteche pubbliche, università e luoghi di studio hanno esposto la sagoma dello studente egiziano imprigionato ingiustamente nel suo paese. Un corteo e altre iniziative a sostegno del giovane

CAGLIARI. Tantissime iniziative anche a Cagliari nella ricorrenza del primo anno della carcerazione in Egitto di Patrick Zaki, lo studente egiziano dell'Università "Alma Mater" di Bologna, che al rientro nel suo Paese per una visita ai familiari il 7 febbraio 2020 fu fermato all’aeroporto de Il Cairo ed incarcerato ingiustamente nella nottata con le accuse di minaccia alla sicurezza nazionale, incitamento a manifestazioni illegali, sovversione, propaganda di notizie false e a fini di terrorismo.

In occasione di questo primo anniversario e sempre in attesa della liberazione del ragazzo che viene inspiegabilmente procrastinata di volta in volta dalle autorità egiziane, i volontari di Amnesty International di Cagliari saranno presenti, con le sagome raffiguranti lo studente, nei luoghi simbolo della città, in modo da non far spegnere la speranza di una rapida scarcerazione e, nel contempo, per promuovere la riflessione sulle innumerevoli violazioni dei Diritti umani compiute in Egitto. image LUCIANO ONNIS -.jpg

Biblioteche pubbliche, università, luoghi di studio sono stati coinvolti nell’iniziativa ed hanno esposto sagome in cartone raffiguranti Patrick Zaky che compaiono in questi giorni nell'Aula Magna del Rettorato di Cagliari, la Biblioteca di Scienze politiche, la facoltà di Giurisprudenza, la Biblioteca di studi umanistici Dante Alighieri ed altri ancora. Nella serata di domani 8 aprile il Bastione Saint Remy sarà illuminato “in giallo”, il colore di Amnesty International, a testimonianza dell’adesione del Comune all’impegno per la causa di Patrick Zaki.

La campagna per la liberazione dello studente sarà ripresa su social e canali riconducibili ad Amnesty International, Gruppo di Cagliari e, a livello nazionale e internazionale, tramite le centinaia di iniziative avviate da altri gruppi attivi nel resto di Italia e riportate sul sito ufficiale www.amnesty.it. (luciano onnis)

Fonte: La Nuova Sardegna

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.