Da un mese sta macinando chilometri tra medici e ospedali per cercare di ottenere una risposta, “definitiva”, al suo più grande dubbio: “Posso vaccinarmi?”. Francesco Tatti, 34enne di Quartu Sant’Elena, sta vivendo nell’incertezza e, da qualche settimana, senza più la paga che riusciva ad ottenere lavorando come portapizze: “Il titolare della pizzeria non si fidava del semplice tampone e poi col nuovo decreto non posso lavorare, perchè devo avere il super green pass”. Ha una cartella clinica che definisce “schifosa”, Tatti. Cioè piena di problemi: “Immunodeficienza, allergia alle cefalosparine e ai pollini, soffro anche di epilessia, ho la sindrome di Jeavons”. Il giovane è andato dalla sua dottoressa: “Mi ha detto che non posso fare il vaccino, mi ha mandato all’hub vaccinale e il dottore mi ha rimandato la somministrazione, o in un’area protetta come un’ <spedale o più in là nel tempo”. Ed è proprio l’assenza di una data certa che manda Tatti ko: “Sono tornato dalla mia dottoressa, mi ha spedito prima all’hub dell’ospedale Marino e poi al Brotzu. I medici mi hanno risposto che devo parlarne con lei, è un cane che si morde la coda infinito e, in tutto questo, ho pure perso il lavoro”.Francesco Tatti è disperato: “Sono distrutto, sto combattendo da un mese e non so più dove sbattere la testa. Mi serve poter parlare con un medico che analizzi tutte le mie carte cliniche e mi dica, chiaramente, se posso o non posso vaccinarmi. In quest’ultimo caso, mi è indispensabile l’esenzione: voglio lavorare, non posso certo vivere di aria alla mia età”.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.