“La prostituzione nelle zone di viale Elmas, via Dolcetta, via del Fangario: per motivi di lavoro ho notato che, durante il lockdown, la prostituzione non c’era, come nemmeno in zona rossa e zona arancione. Invece in zona gialla è nuovamente scoppiata questa situazione. Tra l’altro non è assolutamente un’immagine da dare per Cagliari se dobbiamo essere la città del turismo: abbiamo questa vetrina che è molto degradata. In via Dolcetta, per esempio, non c’è neanche un palo dell’illuminazione e ieri notte hanno messo fuoco a delle cassette di legno e quant’altro. Ci sono dei terreni incolti, con delle sterpaglie e a fronte anche dell’incendio che è avvenuto un paio di settimane fa, diventa anche pericoloso.
Già nel 2019 avevo segnalato questa situazione e quello che io chiedo, magari, al sindaco è di intervenire almeno con l’illuminazione, che potrebbe risolvere qualcosa, quanto meno limitare e dare la possibilità a chi lavora, nelle aziende delle zone, di poter raggiungere la macchina in sicurezza senza magari usare la torcia del telefono”.
Risentite qui l’intervista di Paolo Rapeanu e Gigi Garau
e scaricate gratuitamente l’APP di RADIO CASTEDDU

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.