I maxi pannelli colorati, che raffigurano persone, stilizzate, sorridenti, stanno pian piano comparendo dove prima, invece, c’erano vetrine e serrande. Alla Città Mercato di Pirri, nelle ultime settimane, soprattutto al primo piano sono tanti i negozi chiusi. E al piano terra, davanti al supermercato della Conad, la stessa sorte è toccata al bar. Tutti segnali che sembrano spingere in un’unica direzione: i lavori di ampliamento della struttura per realizzare il centro commerciale più grande di tutta la Sardegna. Lo scoglio del Piano Casa della Regione, che aveva sancito l’inattuabilità del progetto per la vicinanza con Terramaini, presto potrebbe essere superato: “Non c’è ancora la concessione del titolo abilitativo, rallentato dall’articolo 28 della legge sul Piano Casa”, ricorda il vicesindaco di Cagliari, Giorgio Angius: “Ma con la nuova legge Omnibus, non ancora pubblicata ma approvata, il problema viene superato e il procedimento amministrativo che si era fermato può ripartire”. E, in parallelo, possono tornare a scaldarsi i motori delle ruspe: “Mi auguro che l’intervneto parta al più presto, si tratta di lavori importanti”, osserva Angius. Ed eccoli, i lavori, già programmati da anni. 57mila metri cubi in più, per un totale di 187950, duemila posti auto e 23863 metri quadri di superficie di vendita. Ancora: ingresso del parcheggio più ampio, una nuova zona di passeggio con percorso quadrangolare e la superficie commerciale estesa all’area attualmente riservata a piazza scoperta. Altri locali saranno ricavati grazie all’ampliamento dell’edificio lungo il fronte ovest della struttura.Dentro la Città Mercato ci son circa 500 lavoratori. Nella Milazzo, della Cgil, è netta: “Stanno pian piano arrivando le disdette a tutti i negozi. Sono preoccupata perchè non vorrei che fossero definitive, un conto è se al termine della ristrutturazione, che più voci danno per certa da gennaio 2022, i lavoratori saranno riassunti dalle varie società, un altro se verranno mandati a casa. Per esempio, ho saputo che la disdetta del contratto di affitto è già arrivata alla profumeria Douglas. Speriamo di avere notizie sicure quanto prima”. Giuseppe Atzori della Cisl rincara la dose: “Ho conferma di alcune disdette già arrivate, sono preoccupato per l’ennesimo silenzio da parte della direzione del centro commerciale e per i risvolti che potrebbero esserci dal punto di vista occupazionale. Su Conad siamo tranquilli, c’è un’accordo con l’azienda che prevede la cassa integrazione per tutto il 2022”, ricorda Atzori, “alcuni lavoratori di Conad mi hanno detto di aver sentito che il centro sarà chiuso, tutto, il trentun dicembre. Per i negozi della galleria, i contratti erano in scadenza già nel 2019, quella nuova del 31 dicembre 2021 fa intuire che, poi, possano partire i lavori”. Non dice date Michele Orlandi, direttore di Conad rete Nord Ovest: “So che la proprietà sta lavorando per ottenere la concessione edilizia, verso la fine dell’anno potrebbero arrivare le concessioni per la ristrutturazione. So che i negozi stanno ricevendo le disdette, per esempio Trony, servono per far partire il progetto. Noi siamo ancora aperti, non abbiamo ristrutturato il negozio perchè vogliamo che avvenga in sintonia con la ristrutturazione di tutto il centro commerciale”. Ciò che è sicuro è che il supermercato Conad dentro la Città Mercato “non potrà ricevere la disdetta del contratto, perchè non siamo in affitto con Immobiliare Europea ma con la proprietà di Auchan”.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.