Sono tante le categorie che, anche il 15 agosto prossimo, lavoreranno. Una di queste è quella delle guardie giurate impegnate con questa o quella società privata. Alessandro Montis, 59enne di Cagliari, ma residente a Decimomannu, conosce già i suoi turni di Ferragosto. E la “sorpresa” di dover lavorare anche in un festivo, per lui, non c’è: “Faccio questo lavoro da anni, so perfettamente che a Natale, a Capodanno, a Pasqua e, appunto, a Ferragosto, dalle sei alle 14, devo dare il mio contributo. Mi pagano la giornata come festiva, non posso lamentarmi di nulla”, afferma Montis. “Sono una guardia giurata e so che devo essere a disposizione, in caso di emergenza sono retribuito per ogni ora extra. Sono consapevole che questo è il mio lavoro, è sbagliato pensare di non dover lavorare quando è festa, lo fanno anche i poliziotti e i carabinieri. Con i miei colleghi facciamo le rotazioni, a seconda del giorno può capitare qualunque orario”. Proprio nessuna “critica” del dover lavorare quando, in tanti, sono a casa con i propri cari? “No”, taglia corto la guardia giurata.

“Mia moglie e i miei due figli sanno che questo è il mio lavoro, ormai si sono abituati. Oggi come oggi, poi, non bisogna andare tanto per il sottile. Mi sono capitate situazioni di pericolo, è naturale, faccio anche i turni di notte. In un anno mi capita di dover coprire anche un mese dalle 22 alle sei del mattino. Questo, però, è il lavoro che amo”.

L'articolo Alessandro di Cagliari, guardia giurata: “A Ferragosto lavorerò 8 ore ma non mi lamento” proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.