“Solinas pronto a bloccare gli arrivi nelle seconde case della Sardegna”. L’annuncio della vicepresidentessa della giunta regionale Alessandra Zedda a Radio Casteddu. “La zona bianca è un bene da difendere, va mantenuta, anche perché le nostre piscine stanno soffrendo coi nostri centri commerciali. Perciò non ci saranno agevolazioni in entrata. Chi vorrà arrivare qui potrà farlo per motivi lavoro, necessità o salute. Del resto anche l’Unione europea ha cambiato posizione e va verso il passaporto sanitario, dimostrando la bontà delle intuizioni di Solinas. Dobbiamo essere restrittivi. Chi vuole entrare non si aspetti di farlo tranquillamente: i controlli ai porti saranno rafforzati. Solinas chiedere à la collaborazione dei gruppi organizzati e delle forze dell’ordine. I vaccinati non danno fastidio, ma non è un liberi tutti. Si entrerà solo per motivi di necessità. E’ un lavoro in più che dobbiamo portare vanti nell’interesse dei sardi. Non possiamo consentire quello che è avvenuto nell’altro lockdown e dobbiamo tornare alle condizioni che ci permettono di riaprire tutto. Dobbiamo stringere le maglie, si guadagna in salute che va messa al primo posto”.

L'articolo Alessandra Zedda a Radio CASTEDDU: “Solinas pronto a bloccare gli arrivi in Sardegna dalle zone rosse” proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.