Firenze

La Fondazione ospite dello stand allestito dalla Regione con la Carlo Delfino Editore

C’era anche la Fondazione Sardegna Isola del Romanico alla settima edizione di TourismA, il Salone internazionale dell’Archeologia e del Turismo culturale che si è tenuto a Firenze dal 17 al 19 dicembre.

La Fondazione è stata ospitata nello stand allestito dalla Regione Sardegna con la collaborazione della Carlo Delfino Editore.

Insieme alla Fondazione Mont’e Prama, l’Unione di Comuni della Trexenta e il Comune di Oniferi, il Romanico sardo è stato presentato per la prima volta al grande pubblico del turismo culturale internazionale, riscuotendo grande successo e stupore, misto a incredulità, nel vedere la carta geografica della Sardegna arricchita da oltre 150 chiese romaniche.

Lo stand è stato visitato anche dall’assessore regionale al Turismo, Gianni Chessa, che ha espresso parole di elogio per la rete di comuni sardi riunitisi nella Fondazione nel Romanico, oramai arrivata a 80 adesioni.

“Il prenuragico, con la sua statuaria megalitica, il nuragico e il periodo medievale dei giudicati, rappresentato dal Romanico, sono i periodi storici in cui i sardi sono stati grandi protagonisti nel Mediterraneo e in Europa”, ha detto il presidente della Fondazione del Romanico, Antonello Figus, “ma mentre dei periodi precedenti rimangono le grandi opere a testimonianza dell’importanza dell’isola nel Mediterraneo, del periodo giudicale abbiamo, oltre ai monumenti, numerosissime fonti manoscritte. Fonti che raccontano la storia dei giudici e dei giudicati, i rapporti di forti relazioni con le famiglie reali e i potentati nel continente europeo, i condaghe, veri libri amministrativi e contabili dei monaci, in cui si annotavano i rapporti col territorio e le altre chiese di loro competenza, i villaggi scomparsi, che testimoniano di una Sardegna che non c’è più, ma che riscopriamo attraverso i nomi che contraddistinguono molte chiese campestri intitolate agli antichi villaggi medievali scomparsi”.

Antonello Figus
Antonello Figus

“Tutto ciò”, conclude Figus, “è emerso durante le diverse interviste rilasciate dal sottoscritto, dall’assessore Gianni Chessa, dal professor Marco Milanese, esperto di archeologia medievale, e dai numerosi visitatori che hanno scoperto il medioevo sardo dei giudicati e l’immenso patrimonio monumentale del Romanico sardo”.

Giovedì, 23 dicembre 2021

Grazie per aver letto questo articolo. Se vuoi commentarlo, accedi al sito o registrati qui sotto. Se, invece, vuoi inviarci un’informazione, una segnalazione, una foto o un video, puoi utilizzare il numero Whatsapp 331 480 0392, o l’indirizzo email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Fonte: Link Oristano

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.