Speranze finite per i 1.322 dipendenti della compagnia aerea sardo-qatariota Air Italy. A 48 ore dalla scadenza della cassa integrazione, che non è stata prorogata nonostante le pressanti richieste di sindacati e politici, questa mattina sono arrivate le prime lettere di licenziamento collettivo. “Ci batteremo insieme ai lavoratori perché una storia nata oltre 60 anni fa non termini in questo modo”, aveva detto qualche giorno fa il segretario Filt Cgil Sardegna, Arnaldo Boeddu. Un’altra pesante tegola che si abbatte sulla già fragile e precaria situazione economica dell’isola, con centinaia e centinaia di famiglie che da oggi si ritrovano senza un reddito. Un epilogo già scritto per la compagnia aerea che non ha vissuto lo stesso percorso di Alitalia, tenuta a galla per decenni da contributi pubblici, salvataggi nel nome della compagnia di bandiera e veri e proprio aiuti di Stato: su Air Italy, sin dal primo momento, è calato il silenzio e un sostanziale disinteresse che hanno portato alla fine.

L'articolo Air Italy al capolinea, la compagnia aerea sardo-qatariota licenzia 1.322 persone: altro disastro sociale nell’isola proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.