Agli arresti domiciliari, in casa vendeva la droga
Arrestato dai carabinieri

Agli arresti domiciliari aveva trasformato la sua abitazione in una centrale di spaccio e i carabinieri lo hanno arrestato. L’uomo, G.O. 64 anni, pensionato, aveva in casa 50 grammi di cocaina, in parte già divisa in dosi, 200 grammi di marijuana e un bilancino di precisione, oltre a 155 euro che probabilmente erano il provento di alcune dosi già vendute. L’arresto è avvenuto a Villacidro ad opera dei carabinieri del radiomobile della compagnia di Villacidro unitamente ai colleghi delle stazioni di Villacidro e San Gavino Monreale. I militari del radiomobile si sono presentati nell’abitazione del pensionato per il controllo di rito, legato al regime di arresti domiciliari, ma all’interno hanno trovato un giovane che alla loro vista ha consegnava spontaneamente una una dose di cocaina. Da qui la perquisizione e la scoperta della droga che sul mercato avrebbe fruttato circa 6.000 euro.

L’arrestato, difeso dall’avvocato Marco Usai, dopo le formalità di rito è stato rinchiuso nel carcere di Uta, in attesa del rito direttissimo che si è svolto questa mattina, mentre l’altro giovane è stato segnalato alla Prefettura di Cagliari quale assuntore di sostanze stupefacenti. Nel corso dell’udienza, il giudice ha convalidato l’arresto e sottoposto l’uomo alla misura della custodia cautelare in carcere.

Lunedì, 28 settembre 2020

L'articolo Agli arresti domiciliari, in casa vendeva la droga sembra essere il primo su LinkOristano.it.

Fonte: Link Oristano

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.