Aggredì il ginecologo, condannato a tre anni e sei mesi di carcere
La sentenza è arrivata dopo cinque anni di processo

Dovrà scontare tre anni e sei mesi di reclusione (senza condizionale) per lesioni gravi il cittadino di origini rom che nel 2015 aveva aggredito il noto ginecologo di Oristano Bruno Lacu. Dopo cinque anni e sette udienze è arrivata la sentenza definitiva del processo. L’aggressore dovrà anche pagare 3.600 euro di provvisionale per i danni e 3.500 euro di spese legali.

“È andata come doveva andare”, il commento del ginecologo sulla sentenza. “La difesa mi ha accusato di pregiudizi razziali, ma sono il punto di riferimento per tutti i cittadini rom di Oristano”.

Bruno Lacu era stata aggredito nell’aprile del 2015. Si trovava nel suo ambulatorio di via Sardegna,  al terzo piano del palazzo Cier, quando un giovane si era presentato all’ingresso chiedendo alla sua segretaria di poterlo vedere. Alla vista del medico, il giovane lo aveva colpito con pugni al volto e alla testa, per poi scappare. Il ginecologo era stato soccorso e trasportato in ambulanza all’ospedale San Martino.

Lunedì, 20 luglio 2020

L'articolo Aggredì il ginecologo, condannato a tre anni e sei mesi di carcere sembra essere il primo su LinkOristano.it.

Fonte: Link Oristano

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.