Affitta la casa a 20 persone e sparisce con i soldi: in cella per truffa
L’uomo era agli arresti domiciliari ed è stato denunciato anche per evasione

Aveva ereditato appena 1/8 della casa di famiglia, ma con una banale inserzione pubblicitaria è riuscito ad affittarla a una ventina di persone diverse, intascando circa 15mila euro di caparra prima di sparire.

Ora però è in carcere a Uta, e non solo per truffa aggravata e continuata: l’uomo (55 anni, cagliaritano) era agli arresti domiciliari in quella casa e non avrebbe dovuto allontanarsi. I carabinieri della Stazione di Pirri e quelli della Sezione operativa della Compagnia di Cagliari, con pazienza, sono riusciti a rintracciarlo a Quartu, presso una coppia di amici, e gli hanno contestato anche il reato di evasione. La coppia che lo ospitava è stata denunciata per favoreggiamento personale.

Solo il primo inquilino aveva ricevuto le chiavi della casa a Pirri e aveva occupato l’alloggio, ma quando erano arrivati gli altri affittuari beffati aveva deciso di lasciarlo – rimettendoci mille euro – per evitare problemi. Un altro, un sudamericano, era poi riuscito in qualche modo ad entrare nell’appartamento per il quale aveva anticipato l’affitto, almeno per recuperare l’investimento. Qualcuno dei truffati probabilmente non ha neppure presentato querela.

Mercoledì, 24 febbraio 2021

L'articolo Affitta la casa a 20 persone e sparisce con i soldi: in cella per truffa sembra essere il primo su LinkOristano.it.

Fonte: Link Oristano

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.