Oristano

Non ce l’ha fatta il cagnolino la cui vicenda ha commosso il web

E’ morto questa notte Angelo, il cagnolino gravemente ustionato nelle campagne di Tresnuraghes, durante il  grande incendio che ha devastato il Montiferru e la Planargia. Era diventato un simbolo di questo drammatico rogo insieme a  diversi altri animali in questi giorni  ricoverati nella Clinica Due Mari di Oristano. E’ stata proprio la Clinica a dare notizie del decesso: “Non soffre più”.  E sui social subito tanta commozione.

In precedenza i veterinari avevano informato delle sue condizioni che si erano aggravate.

La  foto di Angelo e la sua vicenda avevano fatto il giro del web.

“Mi dispiace smontare la storia romantica del cane che si è fatto bruciare per non abbandonare le sue pecore”, aveva precisato Angelo Delogu, il volontario che aveva soccorso  il cagnolino, poi ribattezzato col suo nome.

In questi giorni nella Clinica Due Mari di Oristano hanno  fatto di tutto per salvargli la vita, ma purtroppo la vicenda ha avuto l’epilogo peggiore.

La speranza adesso è per gli altri animali ricoverati. Tra loro sta meglio   Lussurzesa, una piccola cerbiatta, anche lei rimasta ustionata. Lussurzesa, ugualmente,   anche lei è diventata ormai simbolo di questo dramma che  ha portato la morte  a tantissimi animali tra il Montiferru e la Planargia.

Mercoledì, 4 agosto 2021

Se ritieni che questa notizia possa essere integrata con ulteriori informazioni o con foto e video inviaci un messaggio al numero Whatsapp 331 480 0392

 

 

 

Fonte: Link Oristano

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.