Decine tra parrucchieri, estetisti e ristoratori protestano dentro e fuori il Comune di Assemini per la mancata riapertura delle loro attività e per i soldi che, tra bonus e ottocento euro, in più di un caso non sono ancora arrivati. Presente, durante la mattina di “confronto” tra sindaca, Giunta e cittadini, anche il consigliere comunale del Psd’Az Gigi Garau: “La situazione è critica e drammatica, numerosissimi operatori economici sono venuti a manifestare il loro disappunto. Sicuramente il Comune ha fatto diversi passi e iniziative per gli imprenditori, ma ritendo che il contributo regionale di ottocento euro possa essere liquidato più velocemente. Lo stesso presidente Christian Solinas ha definito uno zelo burocratico fare prima i controlli. Le richieste sono tutte in autocertificazione, dunque i controlli possono essere svolti dopo”. Questo il suggerimento del consigliere sardista.“Ottocento euro non risolvono del tutto i problemi ma sono comunque un sostegno importante anche per molte famiglie”, nota Garau, “poi il Comune dovrà vedere il rendiconto consuntivo, approvato entro giugno, e da lì pescare i fondi e le risorse libere per destinarle al sistema produttivo asseminese. In una città di 27mila abitanti, se si ferma l’economia si crea un danno irreparabile”.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.