Sarà processato per abuso d’ufficio il presidente della Regione Christian Solinas. Dopo cinque assenze di fila per legittimo impedimento, il presidente della si era presentato oggi alle 15 in Tribunale accompagnato dal suo legale Salvatore Casula. Solinas è accusato di abuso d’ufficio, insieme all’assessore leghista degli Affari generali Valeria Satta, la cui posizione oggi è stata stralciata, per le nomine di due direttori generali dell’amministrazione regionale: Silvia Curto alla Presidenza e Antonio Pasquale Belloi alla Protezione civile regionale. Solinas, nell’udienza dello scorso maggio, aveva dichiarato che non era suo compito valutare i requisiti dei candidati, trattandosi di una scelta discrezionale, e che la verifica delle autocertificazioni spettava agli uffici.
Già condannata oggi il capo di gabinetto di Solinas, Maria Grazia Vivarelli, che aveva scelto il rito abbreviato: il gup le ha inflitto la pena di due anni e 8 mesi di carcere, due in meno di quanto aveva richiesto il pm Andrea Vacca.
La prima udienza per Solinas è fissata il 15 dicembre.

L'articolo Abuso d’ufficio, il governatore Solinas sarà processato per due nomine proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.