Abbattimento del silos, l’Areas contesta e chiede conto?
Lilliu denuncia la mancata pubblicazione dei dati e annuncia un esposto

Le polveri alzate in aria con la caduta del silos

Quali fibre sono state disperse nell’aria in seguito alla demolizione della “torre servizi” del silos di Riva di Ponente a Cagliari ? Se lo chiede l’associazione ex esposti amianto, le cui richieste “di rendere pubblici  i dati e le analisi eseguite utili a classificare la tipologia dei materiali e manufatti presenti nella struttura” sono andate a vuoto.

“Il presidente del consiglio comunale di Cagliari, il sindaco, l’Autorità di sistema portuale, la Direzione generale della Assl e il Comando dei carabinieri Noe e successivamente il prefetto e il comando dei vigili del fuoco non hanno risposto alle nostre richieste”, denuncia il presidente dell’associazione Giampaolo Lilliu che precisa di aver fatto la richiesta “al fine di garantire il diritto alla salute dei cittadini e la tutela dell’ambiente da fibre aereo disperse e dalle micro particelle durante la fase di demolizione della struttura”.

Giampaolo Lilliu

“Nello specifico”, precisa Lilliu, “era nostra intenzione conoscere se siano stati eseguiti accertamenti per verificare la possibile presenza amianto, tenuto conto dell’anno di costruzione della struttura”.

Lilliu ha anche annunciato che l’associazione “sta predisponendo un esposto alla procura di Cagliari nei confronti delle istituzioni al fine di conoscere se ci siano state delle mancanze”.

Giovedì, 18 marzo 2021

L'articolo Abbattimento del silos, l’Areas contesta e chiede conto? sembra essere il primo su LinkOristano.it.

Fonte: Link Oristano

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.