I cartelloni appesi contengono messaggi brevi ma sin troppo chiari, riassumibili in una parola: perchè? A Selargius scuole tutte chiuse, l’ha deciso il sindaco Gigi Concu dopo uncaso sospetto di variante inglese del Coronavirus in un istituto. E i genitori protestano. Sul cancello della scuola materna di via San Luigi hanno appeso cartelli: “Zona bianca, scuola rossa. Movida sì, istruzione no”, “Il futuro dei bambini non è a distanza”, “Centri commerciali aperti e le scuole chiuse, priorità alla scuola”. L’intento è uno: cercare di far capire che la decisione presa dal primo cittadino non incontra, per nulla, il loro favore. Le foto sono state pubblicate nei gruppi Facebook di Selargius. E i cartelloni, però, sono già stati strappati, come racconta un genitore.“Ciao a tutti, stamattina nell’asilo frequentato dai miei 2 figli, alcune mamme, tra cui mia moglie, hanno affisso dei cartelloni per evidenziare il fatto che i bambini hanno bisogno di frequentare le scuole materne, con tanti accorgimenti ovviamente di prevenzione, come già attuati da tutte le scuole. Neanche il tempo di postare questa “protesta” ci avvisano che i cartelli sono stati strappati, e non dal personale della scuola. Loro hanno impiegato parte del loro tempo per preparare e affiggere i cartelloni”.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.