Pareti scrostate, acqua e pure muffa. Ecco la situazione dentro l’asilo di via Prati, una delle strutture chiuse dal sindaco di Quartu Graziano Milia dopo l’ultima ondata di maltempo. Ma ora la situazione si complica. Oggi, stando a quanto trapela, pochissimi bambini hanno varcato l’ingresso della struttura, tanti altri sono rimasti a casa. Il motivo? Lo spiega Illary Serra, mamma di uno degli alunni e rappresentante di classe: “Tra muffa e umidità la classe è inadeguata, lì c’è solo una sezione, la F. La stessa dirigente si è accorta dell’inadeguatezza della struttura e ci ha fatto una promessa, i nostri figli saranno spostati in un’altra scuola, in via Allegri. Speriamo sia vero”, dice la Serra. Da poco sono arrivati anche gli operai comunali: “Hanno cambiato quasi tutte le luci fulminate, i nostri piccoli trascorrevano le giornate al buio”. Un’altra situazione di degrado e difficoltà, in altre parole. “Ci è stato detto che i lavori da svolgere sono rapidi ma che bisogna attendere il ritorno delle belle giornate”. Insomma, giorni di sole e non di pioggia.“Basta, il Comune deve comunque fare questi lavori il prima possibile. Ci sono anche bimbi con problemi motori”.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.