La stretta sui monopattini “selvaggi”, a Quartu, è compiuta. In attesa di conoscere i nomi delle società vincitrici del bando per gestire trecento monopattini che potranno essere noleggiati in tutta la città, ecco le regole per evitare incidenti e bloccare, contemporaneamente, le corse a tutto spiano di giovani e meno giovani. Ad annunciarli è l’assessora comunale alla Viabilità, Barbara Manca: “Potranno passare nelle piste ciclabili, nelle Ztl e nelle strade dove c’è il limite di velocità di cinquanta chilometri orari”. Divieto totale, invece, “nei parchi pubblichi e in alcune arterie ad elevato traffico veicolare al di fuori delle piste ciclabili”. Nell’elenco delle vie off limits compaiono anche “viale Golfo di Quartu, viale Europa, via Marconi in uscita verso Cagliari fino al confine con Quartucciu, via Leonardo da Vinci ed il tratto finale di via Fiume prima della rotonda del Margine Rosso”. E per i parcheggi? Finiti i tempi della sosta senza regole sui marciapiedi, davanti ai portoni o alle vetrine dei negozi: “La mappatura delle aree di sosta al momento corrisponde a quella dei motocicli e delle biciclette nel centro urbano, ma potrà essere ulteriormente specificata con l’estensione ad altre aree in base alle esigenze che dovessero emergere anche dalle indicazioni delle aziende che si aggiudicheranno il servizio”.
La speranza dell’amministrazione comunale è quella di mettere ordine nel grande caos dei monopattini: “Vogliamo incrementare il più possibile l’utilizzo della mobilità alternativa, agile e veloce e soprattutto a emissioni zero,  ma rispettando al tutti gli standard di sicurezza: l’introduzione di questa importante novità nel mercato ha rivoluzionato le abitudini di molti, ma ha lasciato spazio a qualche incertezza di troppo, con conseguenze talvolta gravi”, ricorda l’assessora Manca. “Anche a Quartu verranno certamente recepite le indicazioni della normativa nazionale che introduce una regolamentazione più puntuale e precisa sull’uso di questi mezzi”.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.