Il nucleo investigativo del corpo forestale indaga sulle cause del rogo che, fra sabato e domenica, ha camminato per 70 chilometri, distrutto 20mila ettari di territorio e causato la morte di migliaia di animali, rendendo necessario lo sfollamento di 1500 persone nell’Oristanese. Il dossier coi risultati dell’indagine sarà trasmesso alla procura della Repubblica di Oristano, che dovrà a sua volta accertare eventuali responsabilità dolose o colpose.

Stamattina, intanto, sono state ripristinate le linee telefoniche mentre, come si temeva, le fiamme sono tornate a Santu Lussurgiu, dove sono in azione un elicottero della flotta regionale, il super puma e due canadair, e altri due sono arrivati dalla Grecia. Per mettere in sicurezza i territori, mentre si cerca di disinnescare completamente e definitivamente la linea del fuoco, si procede contemporaneamente con le bonifiche, in particolare a Scano Montiferro e Porto Alabe. Oggi è ancora giornata di allerta per caldo e incendi: restano operativi sul territorio 22 mezzi aerei e 7.500 uomini.

L'articolo A Oristano s’indaga sui roghi che hanno distrutto il cuore della Sardegna proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.