Centomila euro per tradire la Sardegna con la Liguria in uno spot banale e stucchevole, pochi secondi di luoghi comuni dalla sua casa di Los Angeles, e lasciare tutti scontenti, sardi e non. I primi perché si sono sentiti pugnalati alle spalle dalla sassarese Eli, i secondi perché si sono indignati per il fatto che fosse una sarda a promuovere le bellezze liguri. Eooure, sui social non è stata massacrata come forse ci si aspettava per un affronto del genere. E’ proprio lei, incassato il lauto e ingiustificato compenso, a tornare sull’argomento.

“Credo che la Liguria sia una delle regioni italiane più rappresentative nel mondo, è una regione che offre tantissimo, dal punto di vista paesaggistico e del cibo”, ha detto la showgirl in un video in cui ha poi spiegato: “Per me poi ha un valore particolare perché è il luogo dove ho fatto l’esperienza professionale più importante, quella di Sanremo, ho dei ricordi bellissimi ed è un posto che mi da tanta felicità: per me la Liguria è davvero una regione speciale”, ha concluso la Canalis. Con buona pace di sardi, sardismi e sardità.

L'articolo A Elisabetta Canalis 100mila euro per tradire la Sardegna con “la mia Liguria” proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.