Non sono sfizi come possono esserlo, a tavola, l’aragosta o il caviale, ma dei semplici contorni. Eppure, a Cagliari frutta e verdura hanno raggiunto prezzi da infarto. Nei market ci si può salvare, e neanche sempre, con eventuali promozioni, anche se il portafoglio si svuota lo stesso di più rispetto al passato, nelle botteghe no. I rincari ci sono, praticamente su tutto. O quasi. E le colpe, a detta dei verdurai, sono tante: aumento della luce, del gasolio e della produzione nelle serre. Con i clienti che scompaiono al ritmo di una mangiata di ciliegie “perché non escono per paura del Covid e della crisi”. Sergio Murgia, in via Dante, lo dice con rassegnazione: “Troppo allarmismo. Gli asparagi costano 25 euro al chilo, li portano dai paesini al mercato e il gasolio costa: pago 30 euro in più rispetto a prima per un pieno. I cachi mela tre euro al chilo, l’uva a quattro perché arriva da fuori”. L’elenco, presto, potrebbe essere più lungo, ma Murgia cerca di stringere i denti e cercare di evitare rincari generalizzati: “Ma i costi ci sono, le ultime bollette della luce si state di 320 e 240 euro, più l’affitto da pagare. Sto cercando di restare a galla, i clienti che ancora vengono chiedono sconti. Li faccio, nei limiti del possibile”.In via Giudice Guglielmo, da 40 anni, il sessantenne Cesare Marci dirige un negozio didi frutta e verdura: “Zucchine a 4,50 al chilo, prima erano a due euro e mezzo, come le melanzane. Peperoni a 3,50 da due e cinquanta. Sono aumentati tutti i prodotti coltivati nelle serre”, osserva. “E i rincari aumenteranno, visto il costo dell’energia”. Insomma, colpa soprattutto del costo della luce. Ma non solo: “Acquisto proprio come fanno i miei clienti. Vado al mercato, se lì mi propongono un chilo di un tipo di verdura a due euro non posso fare un ricarico di venti o trenta centesimi, ma più alto. Anche perché la perdita, se c’è, è maggiore. I clienti comprano molto di meno, se prima acquistavano un chilo di frutta ora solo mezzo chilo. I pensionati, ancora di più rispetto a prima, vogliono lo sconto. Sino a qualche anno fa avevo dipendenti, ora lavoro da solo perché non posso più permettermi assunzioni”.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.