L’avevano promesso e l’hanno fatto. Anche a Cagliari gli agenti della polizia Locale hanno incrociato le braccia per tre ore, manifestando in piazza del Carmine. Il motivo della protesta? Il blocco, l’ennesimo, sia a livello nazionale sia a livello regionale, della legge che riformerebbe il loro settore, dando la possibilità di andare in pensione prima dei 67 anni e riconoscendo il loro lavoro come “usurante”. Lo avevano anticipato qualche giorno fa a Casteddu Online: “Facciamo un lavoro stressante, è folle dover andare in pensione a 67 anni”. Hanno ricordato gli oltre ottanta colleghi morti sul lavoro nell’ultimo anno, “mesi segnati anche dall’emergenza Covid”, ricordano Giorgio Desogus e Terenzio Calledda, poliziotti e rappresentanti del sindacato Sulpl.“Anche a Cagliari, come in tutto il resto d’Italia, siamo in sessantamila a protestare per chiedere che vengano rispettati i nostri diritti e ci venga riconosciuto un trattamento migliore e nuovo. Urgenti, a detta degli agenti, anche “l’adeguamento delle indennità al 100%, cioè gli stessi soldi che vengono attualmente garantiti dallo Stato a tutte le forze di polizia, passando per lo sblocco delle assunzioni”.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.