Un calo di affari stimato di oltre il 50 per cento, che rischia di essere un altro “campanello” della poca voglia dei cagliaritani di uscire di casa o, almeno, di raggiungere i luoghi dove possono crearsi assembramenti. È il caso di piazza Giovanni XXIII. Gianluigi Mura, nell’ultima settimana di attività della sua giostrina (domani è prevista la chiusura dopo due mesi) ha staccato molti meno biglietti del previsto: “Domenica, con i giochi attivi di mattina e di pomeriggio, ho incassato nove euro. Vuol dire che sono venuti cinque bambini, esagerando. Oggi, mercoledì 14 ottobre, sono saliti a dieci, ma sette giorni fa erano non meno di venti”, spiega il giostraio. “Il calo c’è stato, nell’ultima settimana, e non c’entra solo il maltempo: ho visto la piazza vuota, senza genitori con bambini a spasso”. Mura afferma che “c’è paura per i contagi, i numeri sono saliti”. E la “sorpresa” più grande è stata quella dei pochi gettoni venduti soprattutto domenica scorsa: “Ero aperto un paio d’ore di mattina e poi tutto il pomeriggio, sino alle venti”.

 

Proprio come oggi: “Ho chiuso alle venti, ma sin dalle sedici c’era davvero poca gente in piazza, un deserto. Domani termino i miei due mesi di attività, scade la concessione gratuita del Comune. Spero, magari, all’ultimo, di poterla allungare per altre due settimane, per rifarmi di questi giorni con gli incassi davvero bassi”.

L'articolo “A Cagliari deserto anche in piazza Giovanni, solo 10 bimbi alla giostrina in tutto il pomeriggio” proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.