L’ira dei professori per la nuova manovra di bilancio del Governo Draghi si abbatte anche su Cagliari. Sono stati in duecento a manifestare, sotto la pioggia, in piazza dei Centomila. Nel mirino le risorse, giudicate insufficienti, messe da Roma per la scuola. Soldi che non bastano per aumentare gli stipendi dei docenti e per assumere nuovo personale: “È l’ennesimo schiaffo in faccia, vogliono mettere nelle buste paghe dei professori ottantasette euro in più, troppo pochi”, hanno spiegato i manifestanti, spalleggiati da Cgil, Cisl e Uil. Sono arrivati prof anche da Oristano, Sassari e Nuoro, tutti armati di trombette, striscioni e cartelli di protesta: “Basta col blocco degli organici e delle supplenze Ata. Vogliamo più risorse per avere più sicurezza, questa manovra non ci soddisfa”. Pochi i docenti “giovani” presenti, la maggior parte di chi ha partecipato alla manifestazione ha, alle spalle, già molti anni di servizio. “I nostri stipendi continuano a essere troppo bassi, basta fare un raffronto con i nostri colleghi di altri paesi europei. Durante la didattica a distanza abbiamo dovuto pagare tutto di tasca nostra, compresa la connessione internet, e non ci è stato riconosciuto nessun bonus”.Insieme ai professori, uniti nella stessa battaglia, il personale amministrativo e quello Ata: “Troppe ore di lavoro e i soldi in più, spesso, vengono tramutati in giorni di ferie. Non possiamo entrare al lavoro alle 8:30 e uscire alle diciotto con solo mezz’ora di pausa. Il Governo deve darci più soldi per poter assumere altri colleghi e tornare a una ridistribuzione dei turni di lavoro”, questo l’sos principale di chi si occupa di dover controllare le classi, fare le pulizie e garantire il decoro degli istituti sardi.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.