Oristano

Il direttore dell’Asl Serusi rassicura i sindaci: trovata una soluzione temporanea

Saranno i medici di guardia medica a colmare, anche se parzialmente e provvisoriamente, il grave vuoto nell’assistenza di base che si è creato nei comuni di Uras e di Cabras, dopo il pensionamento dei medici titolari, non ancora sostituiti. 

Il direttore generale della Assl Angelo Maria Serusi, dopo avere incontrato stamattina il sindaco di Cabras Andrea Abis e i 4 medici di medicina di base che operano nella cittadina, ha previsto di consentire  per loro l’aumento del massimale da 1500 a 1800 pazienti ciascuno.  

Una  possibilità attualmente prevista solo per un periodo di 6 mesi che si valuterà se ampliare successivamente. Poiché, però, sono oltre 1200 i pazienti attualmente senza medico di famiglia,  il direttore Serusi ha annunciato di voler affidare ai medici di guardia medica l’incarico di aprire un ambulatorio  per due mattine alla settimana, durante le quali potranno ricevere i pazienti con necessità  di ricette per l’acquisto di farmaci. A ognuno dei medici disponibili sarà garantita una retribuzione oraria in linea con il loro contratto, che si aggira intorno ai 50 euro lordi. 

Lo stesso trattamento avrà il medico di guardia medica che dalla prossima settimana, per due  mattine, si è reso disponibile ad aprire un ambulatorio a Uras, come già comunicato dal direttore generale Serusi al sindaco di Uras Anna Maria Dore. 

Martedì, 8 febbraio 2022

Fonte: Link Oristano

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.