In Consiglio regionale incontro sulla presenza femminile nelle istituzioni

CAGLIARI. Nelle sedici legislature del Consiglio regionale sardo le donne elette sono state appena il 5,96% del totale. In quella in corso siedono in nove tra i banchi dell'Assemblea, il 15%. In questo caso la percentuale è salita perché alle ultime elezioni regionali si è votato con il sistema della doppia preferenza di genere che prevede anche la candidatura del 50% di donne nelle liste. Nonostante questo la Sardegna è quindicesima tra le Regioni italiane per numero di donne elette. Le prime sono Molise, Emilia Romagna, Toscana e Lazio. Si tratta dei numeri illustrati dal presidente del Consiglio regionale Michele Pais in occasione dell'incontro «Un Consiglio per l'8 marzo…» sulla presenza delle donne negli organi di governo della Regione.

Per quanto riguarda gli incarichi ricoperti dalle consigliere nel corso delle sedici legislature, si contano una presidente (Claudia Lombardo nella quattordicesima), 4 vicepresidenti (Maria Rosa Cardia, Linetta Serri, Francesca Cherchi), 1 Questore, 9 consigliere segretarie, 8 presidenti di commissione. Le capigruppo sono state in tutto cinque, una a testa per An, Sinistra Autonomista, Misto, Forza Italia, M5s. Per quanto riguarda la Giunta, nelle sedici legislature solo il 6,98% di donne, il 33,33% nella sedicesima. Pais ha anche ricordato che le donne presenti nei Parlamenti di tutto il mondo sono il 24,9% (11,3% nel 1995) e solo in Bolivia, Cuba, Ruanda, Emirati Arabi uniti le donne hanno superato il 50% nei seggi. Oggi le elette alla Camera dei deputati sono il 31,27%, al Senato il 34,89%.

All'incontro partecipano la vicepresidente della Giunta Alessandra Zedda, le consigliere Laura Caddeo (Progressisti), Sara Canu (Riformatori), Elena Fancello (Psd'Az), Desirè Manca (M5s), Annalisa Mele (Lega), Maria Laura Orrù (Progressisti), Rossella Pinna (Pd), la presidente del Corecom Sardegna Susi Ronchi, la presidente regionale della Commissione per le pari opportunità Francesca Ruggiu, la consigliera regionale di Parità Maria Tiziana Putzolu e la Garante regionale per l'infanzia e l'adolescenza Grazia Maria De Matteis. (Ansa).

Fonte: La Nuova Sardegna

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.