Francesca Dessì, 25 anni, ha aperto un primo market di cibi americani a Cagliari e dopo un anno è costretta alla chiusura.A Radio CASTEDDU spiega: “Penso sia una chiusura definitiva perché ci sono troppe incognite, ho rischiato già abbastanza aprendo con il finanziamento e preferisco non continuare a farlo perché non si sa cosa accadrà con il covid.Noi avevamo tanti collezionisti che venivano per prendere delle bibite oppure molte persone affezionate al locale che conoscevano i prodotti. Per gli affitti non ci hanno fatto nessuno sconto, ho dovuto pagare tutto quanto anche se non lavoravo, cioè mille euro fissi al mese. Vorrei dire a tutte le persone che stanno commentando, dicendo che bisogna adeguarsi alla situazione, quindi effettuare le consegne per esempio, che chi viene assunto, per fare le consegne, deve essere pagato. Il negozio era in via Iglesias, a due passi da via Garibaldi ma c’è molta differenza tra queste due strade, risulta una zona molto più coperta. Il problema è che un supermercato, essendo così in centro, non può lavorare se tutti gli altri negozi sono chiusi, soprattutto i bar.Noi potevamo rimanere aperti però mancava proprio la circolazione delle persone. Abbiamo provato ma passavo le ore seduta ferma e non c’era nessuno di passaggio”.Risentite qui l’intervista a Francesca Dessì https://www.facebook.com/castedduonline/videos/424293302113149/e scaricate gratuitamente l’APP di RADIO CASTEDDUhttps://play.google.com/store/apps/details?id=com.newradio.radiocastedduonline

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.