Ha lavorato, seppur con tutti i problemi legati alla pandemia, che nel suo caso specifico si possono tradurre con due sole parole, “meno clienti”, da marzo a oggi, superando anche i mesi estivi. Ma la doccia fredda per Marco Manca, imprenditore 38enne di Ussana, è arrivata qualche giorno fa. Da quasi tre anni le uniche sue entrate arrivano grazie a un distributore di cibi e bevande che ha in via Roma: “Non ho altri lavori, io e la mia compagna possiamo campare solo così”, premette Manca. Il sindaco ha diramato una nuova ordinanza contro il Covid. Rischio assembramenti, sino al prossimo quattro dicembre i distributori automatici devono stare sbarrati dalle 18 alle cinque del mattino. Una decisione che comporta, per Manca, un fisiologico calo degli affari, ma non solo: “Tenere fermi i macchinari per tante ore, soprattutto i distributori di caffè, cappuccini e thè solubili, porta le valvole a danneggiarsi prima del tempo. E sostituirle, naturalmente, costa. L’ultima bolletta della luce, poi, è di 462 euro, ora come ora non posso pagarla. Ho fatto un grosso sacrificio per riuscire a garantire uno degli ultimi affitti, quattrocento euro. In casa abbiamo due automobili, anche quelle hanno costi, come la benzina, e spese fisse”.Manca si sente doppiamente beffato: “Il Governo, per me, non prevede nessun ristoro. Faccio parte dei commercianti al dettagli dei generi alimentari, perchè le botteghe possono restare aperti anche dopo le 18 e io no? Ho fatto presente la mia situazione al Comune, mi hanno risposto che ora come non possono aiutarmi. Anche nelle ultime settimane, dopo il coprifuoco delle 22, qualche infermiere o lavoratore notturno acquistava nel mio distributore. Ora, invece, zero guadagni. E, paragonando ottobre 2020 con ottobre 2019, ho incassato mille euro in meno”.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.