Ha abbassato la serranda del suo bar nella centralissima via Sardegna a Gairo e, insieme ad un gruppo di amici, ha viaggiato per decine di chilometri sino a Gairo. Una scelta dettata dal “cuore”, principalmente, quella di Daniele Agus, barista sardo di 24 anni. È uno dei tanti “angeli del soccorso” nel paesino devastato e messo in ginocchio dall’alluvione di sabato scorso. Nel suo profilo Fb, ieri sera, aveva scritto un post, Agus: “Il Bar Sardegna domani aprirà alle ore 5:00 per offrire la colazione a chiunque voglia unirsi al gruppo volontari per Bitti. Inoltre anche io farò parte del gruppo, di conseguenza il bar chiuderà prima di pranzo.
Sarà gradita la collaborazione di tutti quelli che vorranno unirsi a noi”. Detto, fatto. In tarda mattinata, Agus ha raggiunto Bitti: “Ho vanghe e pale, offerti da un negoziante. Ho scarpe antinfortunistiche e un maglione pesante. Mi sono sentito di voler aiutare la popolazione e l’ho fatto, anni fa anche noi siamo stati in difficoltà e i bittesi ci hanno aiutato. Siamo delle comunità che si prestano soccorso a vicenda”, osserva il barista.
“Qui sto spalando fango in tante strade, resterò di sicuro tutto il giorno. Vedo che c’è sofferenza, tra la popolazione, ma anche voglia di ripartire, come me ci sono tanti soccorritori da molti paesi della Sardegna”, nota, poco prima di entrare proprio in un bar invaso da fango e detriti. “Qui c’è molto da lavorare, ma ce la faremo”.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.