Un muro di bambole e scarpe rosse per dire no alla violenza sulle donne
L’allestimento a cura del gruppo spontaneo femminile di Santa Giusta

Le bambole dell’allestimento creato a Santa giusta dal gruppo spontaneo di donne

Un muro di bambole e scarpe rosse davanti all’ingresso del Comune di Santa Giusta, per sensibilizzare i compaesani sul tema della violenza contro le donne. Nonostante i limiti imposti dall’emergenza coronavirus, il gruppo spontaneo di donne del paese non ha rinunciato a celebrare la data scelta dall’assemblea dell’Onu nel 1999 per ricordare il sacrificio delle sorelle Patria, Minerva e Maria Teresa Mirabal, uccise nel 1960 dagli agenti del dittatore Rafael Leonidas Trujillo, nella Repubblica Dominicana, perché conosciute come attiviste di un gruppo che si opponeva alla dittatura.

“A causa delle restrizioni covid non abbiamo potuto organizzare incontri e manifestazioni come è avvenuto lo scorso anno, ma non molliamo”, spiegano le cinque rappresentanti del gruppo. “Le bambole ci sono state donate dagli alunni delle scuole di Santa Giusta e all’iniziativa hanno contribuito la dirigente scolastica e l’amministrazione comunale, con la quale abbiamo organizzato gli spazi”.

Nelle intenzioni del gruppo spontaneo di donne di Santa Giusta c’è la creazione di un’associazione: “Aspettiamo tempi migliori per farlo”.

Il muro di bambole allestito davanti al municipio di Santa Giusta

Mercoledì, 25 novembre 2020

L'articolo Un muro di bambole e scarpe rosse per dire no alla violenza sulle donne sembra essere il primo su LinkOristano.it.

Fonte: Link Oristano

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.