Niente caccia al coniglio selvatico in Sardegna, i ricorsi degli ambientalisti

Niente caccia al coniglio selvatico in Sardegna, i ricorsi degli ambientalisti
Su pernici e lepri mancano i dati, l’assessore fa marcia indietro su moriglione e pavoncella

Una pavoncella: bloccata la caccia in Sardegna

Il Comitato faunistico regionale il 23 settembre “ha deciso a maggioranza di aprire la caccia a pernici e lepri nelle due giornate del 4 e dell’11 ottobre 2020, con un carniere potenziale di un esemplare per cacciatore per ogni giornata di caccia. Questo sulla base di monitoraggi faunistici che non sono stati comunque consegnati ai componenti del Comitato. Monitoraggi faunistici già formalmente chiesti da parte del Gruppo d’Intervento Giuridico onlus, al pari del necessario parere I.S.P.R.A. (istanze del 23 settembre 2020)”.

Altri ricorsi in vista, sembra capire dalla nota del GrIG firmata dal portavoce Stefano Deliperi. Il documento segnala che il Comitato faunistico ha deciso la chiusura della caccia, invece, per il coniglio selvatico, la cui popolazione isolana risulta estremamente ridotta. E sottolinea che “con notevole buon senso”, l’assessore della Difesa dell’ambiente, Gianni Lampis, “con decreto n. 13 del 23 settembre 2020 in corso di pubblicazione ha disposto la revoca del proprio decreto 11 del 24 agosto 2020 nella sola parte in cui autorizza il prelievo venatorio delle due specie moriglione e pavoncella. È vietata, pertanto, la caccia a moriglione e pavoncella su tutto il territorio regionale”.

Buon senso probabilmente incoraggiato dalle decisioni dei giudici amministrativi. Prosegue la nota: “Proprio sulla caccia al moriglione (Aythya ferina) e alla pavoncella (Vanellus vanellus) è stato incentrato il ricorso presentato al T.A.R. Sardegna dalle associazioni ambientaliste Gruppo d’Intervento Giuridico onlus (GrIG), Lega per l’Abolizione della Caccia (L.A.C.) e WWF Italia onlus, assistite dall’avv. Carlo Augusto Melis Costa del Foro di Cagliari, che ha già visto – con decreto presidenziale Sez. I, 21 settembre 2020, n. 347 – la sospensione della parte del calendario venatorio nella parte in cui prevede la caccia al moriglione”.

“Rinviata alla camera di consiglio collegiale del 7 ottobre 2020 la decisione sulla caccia alla pavoncella, solo perché la relativa stagione di caccia sarebbe partita dal 15 ottobre 2020 (fino al 31 gennaio 2021), quindi in tempo utile per scongiurarne l’apertura”.

Secondo il GrIG, “l’attuale pronuncia giudiziale, sebbene in via cautelare, si colloca in un ampio orientamento giurisprudenziale che da anni sta amputando i calendari venatori della Sardegna nelle parti in cui la tutela faunistica è stata sacrificata in favore delle posizioni filo-venatorie più retrive. Infatti, il calendario venatorio regionale sardo 2020-2021 prevedeva dal 20 settembre al 31 gennaio 2021, nei giorni di giovedì e di domenica, oltre ai festivi infrasettimanali, numerose giornate di caccia nei confronti del moriglione con un carniere potenziale di 3 capi abbattibili nell’intera stagione di caccia per ognuno dei 35.987 cacciatori”.

“Un assurdo carniere potenziale complessivo di ben 107.961 capi abbattibili”, sottolinea il documento del Gruppo d’Intervento Giuridico, “a fronte di un’assenza di dati sulla popolazione isolana e una specifica richiesta di sospensione della caccia da parte di Commissione europea e Ministero dell’Ambiente, richiamate dal parere dell’Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale (I.S.P.R.A.)”.

“Analoga situazione sul piano giuridico-ambientale riguardo la pavoncella, con un carniere potenziale di 5 capi abbattibili al giorno e ben 25 capi abbattibili nell’intera stagione di caccia per ognuno dei 35.987 cacciatori, con un altrettanto abnorme carniere potenziale complessivo di ben 899.675 capi abbattibili”.

Il GrIG anticipa che “sulla base di quanto emergerà dall’esame dei monitoraggi faunistici potranno eventualmente essere integrati i motivi di ricorso presentato al T.A.R. Sardegna in merito alla caccia a pernici e lepri”.

Venerdì, 25 settembre 2020

L'articolo Niente caccia al coniglio selvatico in Sardegna, i ricorsi degli ambientalisti sembra essere il primo su LinkOristano.it.

Fonte: Link Oristano

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.




Radio Fusion

Pizzeria da Birillo

Offerte di Lavoro in Sardegna

Sinnai Notizie

sconti amazon