Bimbo morto dopo il parto a Cagliari, la madre: “Non è stato strozzato dal cordone ombelicale”

Una richiesta di opposizione all’archiviazione decisa, lo scorso 13 novembre, dal pm Alessandro Pili, per il caso del neonato morto dopo il parto al Santissima Trinità di Cagliari lo scorso 26 febbraio. Elisa Macario, 37enne cagliaritana, era arrivata in ospedale in preda a dolori fortissimi. Dopo un travaglio lungo otto ore, il dramma: il neonato era pallido e non emetteva nessun vagito. I medici avevano accertato la sua morte, e la Macario aveva presentato un esposto in procura. Lo scorso dodici novembre, dopo le risultanze del medico legale consulente tecnico d’ufficio, che riconducevano la morte a “un’asfissia intrapartum secondaria ad un duplice meccanismo di compressione della vena ombelicale/ostruzione del circolo fetale riconducibile a sua volta al giro di cordone ombelicale attorno al collo”, la scelta del pm di non andare avanti con le indagini e procedere all’archiviazione. Una scelta, però, contestata sin da subito dalla Macario che, attraverso l’avvocato Valentina Marielli, il tre dicembre 2019 ha protocollato l’opposizione all’archiviazione. A maggio il gip dovrà decidere se accoglierla o se confermare, nei fatti, quanto già deciso dal tribunale di Cagliari a novembre.

 

Per la Marielli, ci sarebbe “l’incompatibilità di una morte endouterina del feto per giro di cordone con l’esistenza di un tracciato vitale e nella norma fino all’immediata prossimità del parto, avvenuto alle 15:30 del 26 febbraio 2019”. Inoltre appare “stridente con la ricostruzione peritale la singolare cianosi pallida del piccolo Elia, che pur vitale fino ai momenti immediatamente precedenti la nascita, senza alcun segno di sofferenza, si palesa al personale medico senza vita con un singolare colorito bianco, indice di una sofferenza prolungata, ed Apgar 0 al primo ed al quinto minuto. Circostanze, queste, del tutto incompatibili con l’ipotesi di ipossia e/o anossia da giro di cordone che, come tale, richiede differenti tempistiche”. Il legale, quindi, osserva che “è essenziale collocare precisamente l’orario del decesso del piccolo, sia per una attenta ricostruzione fattuale degli eventi clinici finalizzata alla verifica della compatibilità del nesso causale tra giro di cordone e decesso in rapporto ai referti cardiotocografici, sia ai fini di una valutazione medico-giuridica delle condotte concretamente operate e del vaglio delle stesse nella loro idoneità e adeguatezza all’evento anche in relazione al quadro anestesiologico”. La lista dei dubbi e delle contestazioni è bella lunga, e tra tre mesi ai saprà chi ha ragione. Elia è morto per qualche motivo diverso dallo srrozzamento col cordone ombelicale? O, purtroppo, la tragedia è proprio da ricondursi a quanto già stabilito dal medico legale? “La pelle di Elia era bianca e non viola, e perché i medici hanno deciso di portarlo al Policlinico dopo un’ora e mezza, se non c’erano attività cardiaca e polmonare? È un gesto senza senso. Per me, c’è un’altra verità dietro la morte del mio angioletto. Quella emersa a novembre non mi soddisfa”, afferma la Macario.

L'articolo Bimbo morto dopo il parto a Cagliari, la madre: “Non è stato strozzato dal cordone ombelicale” proviene da Casteddu On line.

Fonte: Casteddu On Line

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.




Radio Fusion

Pizzeria da Birillo

Offerte di Lavoro in Sardegna

Sinnai Notizie

sconti amazon