Giuliano, io esule in Sardegna sono rinato

Foibe: Giuliano Lodes testimone a Cagliari per Giorno del Ricordo © ANSA

di Stefano Ambu

 Aveva due anni. Era il 1949.  Forse allora lui non capiva. Ma i suoi genitori sì: scampati alle foibe, stavano abbandonando Pola (che poi sarebbe diventata jugoslava) proprio per lasciare al più presto i confini. Meta dell'esodo: la lontanissima Sardegna, la terra dove ricominciare. È la testimonianza nel Giorno del Ricordo di Giuliano Lodes, 73 anni, cagliaritano d'adozione. "La mia famiglia è scappata da Pola con sette valigie - racconta durante una cerimonia a Cagliari - Era tutto quello che aveva. Fuggita per paura. E perché, sentendosi italiana, voleva rimanere italiana e non di un altro Paese. Aveva preso anche in considerazione l'idea di trasferirsi in America. Poi la scelta è caduta sulla Sardegna".

"Tutto è nato durante la guerra d'Africa. Mio padre - rievoca Giuliano - aveva conosciuto dei commilitoni sardi. Ed era stato colpito dal loro carattere e dal loro comportamento. È così che, a tavolino, aveva deciso: scappiamo in Sardegna". L'Isola, il più lontano possibile dalle terre dei padri e dei nonni ormai non più sicure. "Una terra accogliente. I miei genitori avevano effettuato dei sopralluoghi ad Alghero e a Oristano. E infine a Cagliari: il caso ha voluto che incontrassero, in un piccolo ristorante del capoluogo, un conoscente di Pola. Che aveva detto: 'se hai voglia di lavorare, questo è il posto giusto'".

Inizi difficili. "Si viveva in una casa che era anche la bottega, mio padre si occupava di forniture per sarti". Poi tutto è andato liscio. Con Giuliano Lodes che è cresciuto, ha studiato e lavorato a Cagliari sino a diventare direttore di banca. Ma senza dimenticare la sua storia e il suo passato. "Sono un profugo - dice orgogliosamente - mostrando sulla giacca lo stemma della comunità istriano-dalmata che è diventata un fondamentale punto di riferimento e di sostegno per tutti quelli che scappavano dal nord est. "Quello che fa più rabbia a me e agli altri esuli - confessa - è il fatto che sia stata una tragedia dimenticata e quasi nascosta. Dispiace che ancora non si sia arrivati a una totale condivisione, meno male che Mattarella ha parlato di 'sciagura nazionale'. Bisogna sfatare alcuni miti: nelle Foibe finirono fascisti e antifascisti. Il regime di Tito non voleva gli italiani e dopo l'8 settembre del 1943 iniziarono a impadronirsi delle terre di chi aveva sempre vissuto lì. Impossibile rimanere ancora".
   

Fonte: Ansa

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.




Radio Fusion

Pizzeria da Birillo

Offerte di Lavoro in Sardegna

Sinnai Notizie

sconti amazon