Crac 60mln, chiusa inchiesta Scanu

 © ANSA

A poco più di tre mesi e mezzo dall'arresto dell'ex numero uno di Confindustria Sardegna e della Sogaer, Alberto Scanu, 52 anni, si è chiusa l'inchiesta della Procura della Repubblica di Cagliari sul fallimento di una serie di società del Gruppo Scanu. Aziende che, secondo il pm Giangiacomo Pilia e la Guardia di Finanza, sarebbero state prima svuotate e poi fatte fallire con un vorticoso giro di denaro che alla fine avrebbe provocato un 'buco' di 60 milioni di euro. Come rivela L'Unione Sarda, i finanzieri hanno notificato gli avvisi di chiusura delle indagini preliminari a Scanu e agli altri 10 indagati e non vi è stato nessun cambio di imputazione rispetto alle trenta ipotesi di reato - tra bancarotta, semplice, fraudolenta, con distrazioni e altri reati - che hanno fatto scattare le misure cautelari ad ottobre scorso.

Confermate quindi le accuse per i fratelli Alberto (ancora ai domiciliari) e Laura Scanu, il commercialista sardo Giovanni Pinna e il collaboratore Valdemiro Giuseppe Peviani. Indagini chiuse anche per gli altri indagati, finiti a vario titolo nell'inchiesta: si tratta di Paolo Zapparoli, originario di Varese e residente a Milano; Pier Domenico Gallo, di Cossano Belbo, in provincia di Cuneo, con residenza in Svizzera; Paolo Moro, di Milano; Caterina Della Mora, nata a Udine e residente a Lugano; Domenico Falchi, di Macomer (Nuoro); Enrico Gaia e Francesco Zurru di Cagliari. Tutti avrebbero rivestito ruoli all'interno delle nove società fallite finite sotto la lente della Procura.

Ora gli indagati potranno presentare memorie difensive o documenti, oppure chiedere di essere interrogati, prima che il pm Giangiacomo Pilia decida se chiedere il rinvio a giudizio.
   

Fonte: Ansa

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.




Radio Fusion

Pizzeria da Birillo

Offerte di Lavoro in Sardegna

Sinnai Notizie

sconti amazon