Fu uccisa nel garage di casa, autore delitto in comunità

Omicidio Dina Dore © ANSA

Sta godendo di un permesso in una comunità di reinserimento l'autore materiale del delitto di Dina Dore, la donna trovata morta nel bagagliaio della sua Fiat Punto, con la figlioletta di otto mesi che dormiva sul seggiolino, il 26 marzo 2008, a Gavoi (Nuoro).  Pierpaolo Contu, condannato a 16 anni di carcere a Nuoro, è inserito in un percorso che potrebbe portarlo al regime di semilibertà. L'uomo, che oggi ha circa 30 anni ma che all'epoca dei fatti era 17enne, ha già passato otto anni in carcere, mentre il mandante del delitto, il marito di Dina, il dentista Francesco Rocca, sta scontando l'ergastolo dopo la conferma della pena da parte della Cassazione.

Purtroppo il nostro sistema penale non prevede la tutela delle vittime del reato avvisandole quando viene disposta la scarcerazione del condannato per quanto per pochi giorni - ha spiegato l'avvocata della famiglia Dore, Anna Maria Busia - E' un sistema impostato male perché la scarcerazione di una persona
che ha posto in essere un reato così efferato avrebbe invece dovuto essere comunicata alle vittime che sono come sempre invisibili".

LEGALE DI CONTU - "Il mio assistito sta nella comunità di Don Borrotzu a Nuoro. Non avendo mai commesso alcuna infrazione nel suo percorso in carcere, ora abita lì per qualche giorno. Si tratta di una prima misura alternativa dopo un programma di recupero rigoroso". Lo ha confermato all'ANSA
l'avvocato Gian Luigi Mastio difensore di Pierpaolo Contu il giovane 30enne di Gavoi - minorenne all'epoca dei fatti - che secondo una sentenza passata in giudicato fu l'autore materiale del delitto di Dina Dore avvenuto nel 2008, su commissione del marito della donna condannato all'ergastolo, come ha già
stabilito la Cassazione.

"Il giovane sta godendo di un permesso premio come previsto dalla legge - ha spiegato don Pietro Borrotzu - è il secondo beneficio di 3 o 4 giorni di cui sta godendo Pierpaolo, il primo gli è stato concesso qualche mese fa. La misura arriva dopo che il detenuto ha trascorso la metà della pena in condanna: il
giovane infatti ha già scontato 8 anni dei 16 a cui è stato condannato. E' l'avvio di un percorso rieducativo nel quale può incontrare i familiari, usare il telefono e uscire un'ora la mattina in libertà. Più si va avanti, più i progetti diventano lunghi e minori le restrizioni", ha concluso il sacerdote.


   

Fonte: Ansa

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.




Radio Fusion

Pizzeria da Birillo

Offerte di Lavoro in Sardegna

Sinnai Notizie

sconti amazon