Coronavirus: vademecum per gli studenti dell’Università di Cagliari

Coronavirus: vademecum per gli studenti dell’Università di Cagliari
Iniziativa dopo lo stato d’allerta decretato stamane dal Governo

L’Università di Cagliari ha inviato per mail a studenti e personale docente e tecnico amministrativo un vademecum sul Coronavirus. L’informativa, pubblicata anche sul sito dell’Ateneo, è disponibile anche in lingua inglese. L’Ateneo cagliaritano ha comunicato, inoltre, anche la prassi da seguire per gli studenti dell’Università che attualmente si trovano o sono di ritorno dalla Cina.

L’Università ricorda che “l’infezione da persona a persona si pensa possa avvenire principalmente attraverso goccioline respiratorie prodotte quando una persona infetta tossisce o starnutisce, in modo simile a come si diffondono l’influenza e altri agenti patogeni respiratori. Analogamente a SARS e MERS, la diffusione tra le persone avviene attraverso contatti ravvicinati”.

“Le infezioni confermate”, si legge ancora nella mail, “possono provocare una sintomatologia da lieve (80% dei casi), a severa (20% dei casi) con esiti letali (2% dei casi). I sintomi possono comparire da 2 a 14 giorni dopo l’esposizione e includono febbre, tosse e difficoltà respiratoria”.

“Per prevenire l’infezione”, consiglia l’Ateneo cagliaritano, “l’Organizzazione Mondiale della salute raccomanda le seguenti precauzioni e misure igieniche: lavare spesso le mani con gel disinfettanti o con acqua e sapone; quando si tossisce e si starnutisce, coprire la bocca e il naso con un gomito o un fazzoletto, gettare via immediatamente i fazzoletti e lavarsi le mani; evitare il contatto ravvicinato con chiunque abbia la febbre e la tosse. In caso di febbre, tosse e difficoltà respiratorie, rivolgersi tempestivamente a un medico e riferire agli operatori sanitari di eventuali viaggi nelle settimane precedenti”.

Il personale e gli studenti possono recarsi in Cina?

Il Governo italiano ha deciso di sospendere temporaneamente tutti i viaggi previsti in Cina, fino a nuovo avviso.
La ragione principale di questa decisione non è solo il rischio di infezione da 2019-nCoV, ma anche la natura imprevedibile dell’epidemia, il rischio associato di disordini sociali nelle aree colpite o le restrizioni di quarantena, che potrebbero rendere impossibile il ritorno a casa.

L’Ateeo cagliaritano raccomanda, inoltre, al personale e agli studenti di ritorno dalla Cina di rivolgersi al personale medico o di chiamare il numero verde 1500, attivo al Ministero della Salute, in caso di sintomatologia. In tal caso consiglia di ridurre al minimo i contatti con altre persone e non frequentare posti affollati.
Si raccomanda agli studenti di non frequentare le lezioni o altre attività curricolari ed extracurricolari in caso di sintomatologia sospetta.

In assenza di sintomi è comunque necessario tenere monitorata la temperatura corporea giornalmente. In caso di rialzo termico contattare immediatamente il numero verde.

“Gli studenti che si sono recati recentemente in Cina e che non presentano sintomi”, si legge a conclusione nella mail, “possono frequentare le lezioni le lezioni o altre attività curricolari senza limitazioni e senza la necessità di indossare maschere protettive”.

“Al personale docente o ricercatore in visita dalla Cina”, raccomandano dall’Università, “chiedete a tutti i visitatori cinesi di monitorare attentamente lo stato di salute prendendo la temperatura e osservando altri possibili sintomi durante i primi 14 giorni dopo la partenza dalla Cina, e informateli su come ricevere cure mediche in caso di malattia rivolgendovi immediatamente al personale medico o chiamando il numero verde 1500 attivo presso il Ministero della Salute”.

Venerdì, 31 gennaio 2020

L'articolo Coronavirus: vademecum per gli studenti dell’Università di Cagliari sembra essere il primo su LinkOristano.it.

Fonte: Link Oristano

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.



Radio Fusion

Pizzeria da Birillo

Offerte di Lavoro in Sardegna

Sinnai Notizie

sconti amazon