Emergenza rifiuti infettivi a Cagliari, nessuno li smaltisce e finiscono a Milano

E’ emergenza. I rifiuti ospedalieri infettivi liquidi del Policlinico di Monserrato in Sardegna non li smaltisce nessuno. Così per scongiurare i gravi rischi “per la salute pubblica” vengono spediti a Milano. Con tutti i rischi che ne derivano, compreso quello, di un aumento vertiginoso dei costi per le casse (pubbliche) del Policlinico.  Fino a qualche giorno fa venivano bruciati all’inceneritore di Macchiareddu, ma il Tecnocasic recentemente ha imposto una serie di prescrizioni che, di fatto, impediscono all’impresa incaricata di conferire i rifiuti. Un primo carico è già stato imbarcato la settimana scorsa da Cagliari a Genova in direzione Milano, il secondo partirà domani. Ma le difficoltà sono enormi e i costi alti. E dati i gravi rischi in caso di interruzione del servizio, della vicenda è stata interessata la Prefettura cagliaritana.

L’emergenza. I rifiuti ospedalieri del Policlinico vengono gestiti ormai da 8 anni dalla stessa azienda del cagliaritano. Ora però, a causa  di un guasto del proprio impianto e del diniego delle altre strutture autorizzate in Sardegna (una si trova a Elmas e ha accettato i rifiuti fino a dicembre scorso prima di imporre lo stop e l’altra è il Tecnocasic che ha accettato i rifiuti fino al 13 gennaio) questa società ha dichiarato alla Prefettura di non essere in grado di smaltire i rifiuti a rischio infettivi liquidi dell’ospedale di Monserrato, sottolineando i “gravi pregiudizi igienico sanitari in caso di interruzione del servizio”.

Il Prefetto. Per sistemare il guasto ci vorrà un mesetto. E così il Prefetto di Cagliari Bruno Corda per gestire questa fase di transizione, che rischia di “riflettersi sulla condizione della sicurezza pubblica”, ha chiesto al Tecnocasic di lasciare conferire i rifiuti nei propri impianti.

Il Tecnocasic. I vertici di Macchiareddu hanno risposto a piazza Palazzo dichiarandosi disponibili (“considerate le circostanze createsi che potrebbero determinare situazioni di emergenze sanitarie o di rischio per la salute pubblica ”) ad accogliere i rifiuti infettivi liquidi del Policlinico, ma imponendo una serie di limiti e prescrizioni al conferimento, tra i quali spicca un test di prova per “verificare la compatibilità del rifiuto coi processi di combustione”.

I rifiuti a Milano. Ma i limiti si sono rivelati insuperabili (per motivi di carattere tecnico) per l’azienda e l’emergenza resta così irrisolta. Ed essendo quello di Macchiareddu l’unico impianto attrezzato a svolgere operazioni del genere in Sardegna, la società è costretta a rivolgersi a strutture extraregionali, con un aggravio notevole dei costi (circa il quintuplo). Anche perché a Cagliari c’è soltanto una nave autorizzata la trasporto di questo genere di rifiuti.

Lapidario il commento del Policlinico: “Noi abbiamo un contratto con un fornitore di servizi e ci aspettiamo che il fornitore ottemperi al contratto”.

Le parti in causa sperano che la Prefettura convinca agli assessorati regionali alla Sanità e all’Ambiente possano risolvere il rebus. Magari convincendo il Tecnocasic, il cui impianto è titolare di Aia (l’autorizzazione integrata ambientale che stabilisce i codici europei di rifiuti, le quantità gestibili e le modalità di incenerimenti, avrebbe, cioè, a detta degli esperti, tutte le carte in regola per operare) di smaltire i rifiuti liquidi infettivi del Policlinico.

L'articolo Emergenza rifiuti infettivi a Cagliari, nessuno li smaltisce e finiscono a Milano proviene da Casteddu On line.

Fonte: Casteddu On Line

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.




Radio Fusion

Pizzeria da Birillo

Offerte di Lavoro in Sardegna

Sinnai Notizie

sconti amazon